Notizie

ATP Umago, Carlos Alcaraz e l’incubo italiani: “Contro Sinner a un certo punto non sapevo che fare”-

03

Fino a dieci giorni fa, il record di Carlos Alcaraz nelle finali ATP era da capogiro: 5 vittorie a fronte di 0 sconfitte. Poi due italiani sul percorso, Lorenzo Musetti ad Amburgo, e ieri Jannik Sinner ad Umago, hanno calpestato questa preziosa statistica. Ancora una volta il giovane spagnolo, che comunque può consolarsi dato che da oggi è n.4 al mondo, dimostra di soffrire enormemente i giocatori italiani: su 7 partite perse nel 2022, quattro sono state contro i nostri ragazzi (oltre le due sopracitate, contro Berrettini in Australia e di nuovo Sinner a Wimbledon). Nonostante ciò però (anche se la faccia non è delle più allegre), dimostrando grande maturità per la sua giovane età, Carlitos è molto cortese e disponibile a rispondere alle domande in sala stampa (qui, invece, le parole di Jannik Sinner).

D (Ilvio Vidovich, Ubitennis) “Forse il turning point è stato il secondo game del secondo set, con sei palle break non sfruttate. Dopo questo game Sinner ha iniziato a rispondere meglio alla tua seconda. Quale delle due è stata la chiave, la prima o la seconda? O forse un mix di entrambe?”

Alcaraz: “Quel game è stata la chiave del match. Ho avuto tante opportunità, e contro giocatori come Jannik se non sfrutti le opportunità è davvero difficile avere la meglio. Dopo quel game lui ha risposto meglio, sia alla prima che alla seconda, e non sono riuscito a trovare un modo di servire. Certamente lui poi ha iniziato a giocare meglio, e non sapevo come fare, come giocare contro Jannik dopo quel game, quella è stata la chiave, ha iniziato a rispondere meglio

D: “Alla fine è stata anche una questione fisica? Sembravi stanco nel terzo set

Alcaraz: “No, semplicemente non sapevo come giocare. Non sapevo cosa fare contro Jannik. Lui ha iniziato a giocare ad alto livello, io ho iniziato a sbagliare un sacco di palle, a giocare meno aggressivo, perciò sembravo stanco. Proverò a non fare questo la prossima volta

D: “Cosa ti porti di positivo da questa settimana?

Alcaraz: “Quando resetterò e libererò la mia mente verranno fuori le cose positive di questa settimana, ma ora non ci riesco

D (Ilvio Vidovich, Ubitennis): “Parliamo del tuo quarto posto in classifica, ora vieni subito dopo Rafael Nadal. Ciò significa qualcosa di speciale per te?

Alcaraz: “Essere n.4 al mondo è stupefacente, una grande cosa per me. Attualmente al di sopra ho grandi giocatori, Rafa, Alexander, Medvedev. Loro giocano per gli Slam, sfortunatamente ora lui [Zverev] non può, tornerà al meglio. Ma prima di farsi male alla caviglia giocava per quello, semifinali, finali. Essere uno di loro nel ranking, lottare per gli Slam, è stupefacente per me, e prenderò lezioni da questo tipo di momenti per essere migliore, per lottare per grandi cose in futuro

D: “Hai detto che tornerai l’anno prossimo, è una sorta di aspettativa per il pubblico. Sicuramente vorranno rivederti l’anno prossimo“…

Alcaraz: “Adoro giocare qui, è un posto stupefacente, come anche il campo. Belle persone, anche se tenevano per Jannik, ma sono meravigliose; mi godo ogni singolo secondo qui, lo amo. Se il programma sarà buono l’anno prossimo, tornerò, ma in un anno può accadere qualsiasi cosa“.

Загрузка...

Comments

Комментарии для сайта Cackle
Загрузка...

More news:

Read on Sportsweek.org:

Altri sport

Sponsored