Sponsored
Notizie

Nei dintorni di Djokovic: Misha e Miro, dallo Smrikva Bowl agli Slam

01

Miomir Kecmanovic è oggi una delle grandi promesse del tennis mondiale. I quarti a Indian Wells nel 2019, la finale ad Antalya (sconfitto da Lorenzo Sonego) e infine la semifinale alle NextGen Finals (anche qui fermato da un azzurro, Jannik Sinner) sono i punti più alti di una stagione 2019 che nella seconda metà ha visto il 20enne tennista di Belgrado entrare stabilmente tra i primi sessanta giocatori del mondo. L’inizio del 2020 lo ha visto compiere un ulteriore passo in avanti con l’ingresso tra i top 50 (attualmente è n. 47), grazie soprattutto alle due semifinali raggiunte nei 250 di Doha e Delray Beach, e diventare così un nome ancor più noto tra gli appassionati. Chiaramente tra gli addetti ai lavori il nome di Kecmanovic era conosciuto già da qualche anno, con i primi riflettori puntati addosso alla fine del 2016, quando raggiunse il vertice delle classifiche mondiali juniores dopo aver conquistato per la seconda volta consecutiva il più prestigioso torneo mondiale juniores, l’Orange Bowl, e in Serbia si iniziò a parlare di lui come del nuovo Novak Djokovic. E, come spesso capita, furono tante le similitudini che si cercarono allora tra il percorso di crescita dell’attuale n. 1 del mondo e quello del giovane connazionale per rafforzare tale convinzione.

A tale proposito, dallo scorso luglio c’è un curioso punto in comune tra le loro carriere. Cioè da quando Djokovic ha deciso di avvalersi del supporto come coach di Goran Ivanisevic. Kecmanovic, infatti, da diversi anni viene seguito da un allenatore croato, Miro Hrvatin.Intervistato da un quotidiano del suo paese, il 40enne coach di origine istriana (è di Valbandon, un paesino del comune di Fasana, a una decina di km da Pola), ha raccontato la storia della collaborazione con quello che, secondo la classifica ATP, è attualmente il terzo under 21 più forte al mondo (dietro ai canadesi Shapovalov e Auger-Aliassime e davanti a Sinner). Logicamente la prima cosa che è stata chiesta a Hrvatin è stata proprio quella di spiegare come mai un giovane tennista belgradese abbia deciso di farsi seguire da un allenatore della penisola istriana. “Conosco Miomir dal 2009, quando aveva nove anni e partecipò allo Smrikva Bowl, un torneo internazionale under 10 che si tiene in Croazia, a Stignano in provincia di Pola”.

Torneo nato nel 1996, lo Smrikva Bowl annovera tra i suoi vincitori Dominic Thiem (nel 2004) e Petra Martic (nel 2001) e tra i partecipanti diversi top 100. Per curiosità, noi di Ubitennis siamo andati a vedere il tabellone di quello Smrikwa Bowl del 2009, e quello di Kecmanovic non è l’unico nome conosciuto. Il serbo perse nei quarti, sconfitto dall’italiano Samuele Ramazzotti (grande promessa a livello juniores, n. 1 al mondo under 14  e vincitore del famoso torneo “Petit As” nel 2013, battendo in finale proprio Kecmanovic), che poi  batté in semifinale un altro nome oggi noto, Alejandro Davidovich Fokina, che nei quarti aveva avuto la meglio sull’attuale n. 26 del mondo, Alex De Minaur. In tabellone c’era un altro NextGen che oggi fa parlare di sé ad alti livelli, Alexey Popyrin, che perse al secondo turno con il futuro vincitore, lo spagnolo Alvaro Regalado (da giovanissimo grande promessa del tennis iberico). Il torneo istriano è il punto di partenza del racconto di coach Miro.

“Durante quel torneo facemmo diversi allenamenti, poi quell’anno tornò con la zia per le vacanze estive e per allenarsi. Anche negli anni successivi venne per una settimana di vacanza e allenamenti, fino a quando all’età di 13 anni non partì per l’Accademia di Bollettieri a Bradenton, in Florida. In quel periodo interrompemmo il nostro rapporto, per poi riprenderlo e lavorare con continuità già da quando Miomir giocava i tornei under 18”.

Orange Bowl 2016 – Miomir Kecmanovic

Considerando le polemiche sorte in Serbia quando Djokovic ha deciso di inserire Ivanisevic nel suo staff, è stato altrettanto logico chiedere se anche il fatto che la più grande speranza del tennis serbo avesse un allenatore croato abbia creato qualche problema simile. “Sono i genitori (medici molto noti in Serbia, ndr) quelli che si fanno carico della maggior parte delle spese e quindi sono loro che decidono chi è l’allenatore. Quella della nostra collaborazione è stata una storia bella sin dall’inizio e non ci sono stati problemi. In generale nello sport ci sono diversi esempi nei quali c’è un legame tra persone dell’ex Jugoslavia. Non ci sono barriere linguistiche, abbiamo la stessa mentalità”. Interessante notare come quest’ultimo aspetto sia stato sottolineato anche da Ivanisevic nel parlare del suo rapporto con Nole.

Ivan Ljubicic collabora con Roger Federer, Goran Ivanisevic con Novak Djokovic, da poco Vedran Martic con Marin Cilic. Spontaneo chiedersi come mai i coach croati stanno andando per la maggiore nel circuito maschile. “Ivanisevic e Ljubicic sono dei veri e propri ‘brand’. Martic è da anni sulla scena e fa un ottimo lavoro. Miomir e io siamo agli inizi. Per quanto mi riguarda, posso dire che lavoro con il cuore e con il desiderio che riusciamo ad avere successo”.

Dato che di lui si sa poco, al coach di Pola è stato chiesto di raccontare qualcosa del suo passato tennistico. “La mia carriera di giocatore si è svolta interamente in ambito nazionale. Sono stato n. 2 croato a livello juniores e n. 4 a livello senior. Ho giocato e mi sono allenato con Ljubicic, Karlovic, Krajan… Ho vinto due volte in campionato nazionale a squadre (controllando sul sito ATP si scopre che si è comunque tolto la soddisfazione di conquistare un punto ATP, nel 2007, grazie al quale è entrato in classifica alla posizione n. 1494, ndr). La carriera da allenatore l’ho iniziata dalle mie parti, a Stignano, dove allenavo giocatori di tutte le età. Questo mi ha aiutato a migliorarmi come allenatore. Poi ho lavorato due anni in Cina, seguivo quattro ragazze che ai tempi erano le migliori a livello under 16 e under 18. Si è trattato di un’esperienza completamente diversa, che può comprendere del tutto solo chi ha lavorato lì. Ho imparato molto”.

Hrvatin ha poi parlato un po’ del suo allievo.. “Misha (il soprannome di Miomir, ndr) ha subordinato tutta la sua vita al tennis e per adesso sta andando bene. I genitori e la zia gli sono di supporto in questo. A Belgrado andiamo un paio di volte l’anno, per qualche giorno. In questo momento siamo in Florida, all’Accademia di Bradenton, e ci alleniamo qui, dove le condizioni sono ottime”. Kecmanovic si è allenato diverse volte con Djokovic e con Federer. A Hrvatin è stato quindi chiesto quanto sia importante per un giovane avere l’opportunità di allenarsi con simili fuoriclasse. “L’allenamento con giocatori così è di un’importanza enorme per la crescita, ti costringono a essere migliore. Si impara molto da questi allenamenti“.

Non poteva infine mancare una domanda sulla situazione che tutti stiamo vivendo, l’epidemia di coronavirus. “Nessuno era preparato a questo, quindi anche il mondo del tennis è rimasto scioccato. Tutto si è fermato. Non sappiamo nemmeno quando torneremo a giocare, quindi non è facile fare programmare lo stato di forma. Ma in questo momento non è così importante, l’importante è che sconfiggiamo l’epidemia e che le persone siano al sicuro“.

Загрузка...

Comments

Комментарии для сайта Cackle
Загрузка...

More news:

Read on Sportsweek.org:

Altri sport