Notizie

Cortina, via libera dalla conferenza dei servizi al Curling center

068
Cortina, via libera dalla conferenza dei servizi al Curling center

CORTINA. Pareri favorevoli nella conferenza di servizi all’approvazione del progetto del Centro curling e dei magazzini allo stadio Olimpico. Alla riunione di ieri mattina in municipio c’erano, in presenza e collegati, il commissario per le opere dei Mondiali Valerio Toniolio, il sindaco Gianpietro Ghedina, il vice Luigi Alverà e i rappresentanti di Regione, Sovrintendenza, Provincia, Federghiaccio, Comitato italiano paralimpico, Comitati curling cortinesi e i progettisti. Al vaglio il progetto di fattibilità tecnica ed economica dei lavori per la realizzazione del Centro Curling per l’importo di 3,5 milioni. Il progetto rientra nel quarto livello di opere previste per i Mondiali 2021, gestito dal commissario di Governo Valerio Toniolo, grazie all’integrazione effettuata il 15 giugno dal sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali. Ora la Provincia, che funge da stazione appaltante, bandirà la gara per la progettazione esecutiva, ci sarà un’ulteriore validazione del progetto esecutivo e poi le gare d’appalto dei lavori. Le procedure amministrative dovrebbero terminare entro l’autunno. La conferenza di ieri è un passo avanti importante per un progetto atteso da anni. I tanti appassionati di questo sport a Cortina sono senza il loro centro dal 2014 e giocano allo stadio Olimpico su due piste che sono state create dal Comune. La Servizi Ampezzo, società totalmente municipalizzata, ricevette mandato dal Comune, a giugno 2016, di occuparsi del progetto che prevedeva la creazione di un Curling center all’Olimpico nell’attuale spazio vuoto tra il retro delle panchine giocatori dell’hockey e le vetrate, dove fino ad alcuni anni fa c’erano le tribune metalliche provvisorie. A maggio dello scorso anno il progetto è stato rivisto anche alla luce del fatto che Cortina, per le Olimpiadi 2026, organizzerà le gare di curling. Il progetto redatto per SeAm dall’ingegner Felice Gaiardo e dall’architetto Francesco Riva (di RStudio Professionisti associati di Caprile) prevede che siano create tre piste per il curling al di sotto della piastra esterna dello stadio Olimpico; si interverrà anche con una riqualificazione delle aree dedicate ai magazzini dello stadio.

«La conferenza è andata molto bene», dice il sindaco Ghedina, «il progetto prevede la riqualificazione di tutta l’area esterna dove oggi c’è il parco giochi e la creazione di tre piste con tutti i servizi, ossia spogliatoi e bagni con docce; questi saranno realizzate al di sotto e quindi non ci sarà l’impatto che era previsto nel progetto precedente. Ci sarà un accesso esterno indipendente, sarà riqualificato l’ex appartamento del custode che per anni ha ospitato Tele Cortina e si interverrà anche sull’ex falegnameria che diverrà un’area magazzino di cui l’Olimpico è carente. Le piste saranno adatte ad ospitare tornei internazionali con tutte le caratteristiche previste dalla Federazione e potranno essere usate per allenamenti. Ci saranno poi interventi riguardanti gli impianti di refrigerazione, illuminazione e altro».

L’opera è finanziata dai Fondi per i Comuni di confine per 1,5 milioni e dal Comune per due. L’intervento durerà dai 12 ai 18 mesi, quindi l’impianto potrebbe essere pronto per il 2023.

Загрузка...

Comments

Комментарии для сайта Cackle
Загрузка...

More news:

Read on Sportsweek.org:

Città di Torino

Altri sport

Sponsored